I 10 cibi che proteggono la pelle dai raggi solari

Pubblicato il: 8 Agosto 2016 alle ore 03:24 Aggiornato il: 21 Giugno 2018

Oltre ad applicare una buona crema protettiva e ad adottare alcuni accorgimenti, scopriamo quali alimenti ricchi di proprietà antiossidanti, vitamine e omega 3 preparano e difendono la pelle dal sole

I cibi alleati della pelle

Con i raggi solari non si scherza: per scongiurare l’insorgenza di eritemi, ustioni e (nei casi più gravi) melanomi, in estate la pelle va tutelata non solo applicando creme protettive ma anche adottando alcuni piccoli accorgimenti (conoscete qual è il vostro fototipo?). Il consiglio di non esporsi nelle ore più calde della giornata (indicativamente dalle 11 alle 16) è sempre valido ma un’abbronzatura sana passa anche dalla tavola. Pochi infatti sanno che alcuni alimenti contengono sostanze che aiutano a proteggerci dall’interno dallo stress ossidativo dovuto all’esposizione a raggi Uva e Uvb. Nella gallery scopriamo quali sono i cibi ricchi di proprietà antiossidanti, vitamine e Omega 3 che preparano la pelle al sole, la proteggono e allontanano i rischi del foto-invecchiamento.

Pomodori

I pomodori, specialmente quelli maturi, sono ricchi di licopene, la sostanza che conferisce il caratteristico colore rosso e che appartiene al gruppo dei carotenoidi. Grazie alle sue proprietà antiossidanti, questo ortaggio è utile per combattere i radicali liberi prodotti in eccesso dall’organismo e in caso di prolungata esposizione ai raggi ultravioletti aiuta la pelle a difendersi, allontanando i rischi del foto-invecchiamento. I pomodori presentano anche una buona quantità di vitamina A (610 µg per 100 g di parte edibile), che regola la permeabilità della pelle, aiutandola a svolgere meglio la funzione di filtro rispetto alle sostanze nocive (scoprite qui quali sono gli altri benefici del pomodoro).

Carote

Le carote sono ricche di beta-caroteni, le sostanze pigmentate appartenenti alla categoria dei carotenoidi, che conferiscono il tradizionale colore giallo-arancio ad alcuni alimenti. Il beta-carotene vanta proprietà antiossidanti e svolge un’intensa azione fotoprotettiva, contrastando i radicali liberi e potenziando l’effetto della melanina. Un consiglio: se possiamo scegliere, è meglio preferire le carote cotte a quelle crude perché i carotenoidi vengono assorbiti meglio dall’organismo. Il calore, infatti, ammorbidisce le pareti cellulari, rendendo più assimilabili queste sostanze (coprite qui quali sono gli altri benefici della carota).

Peperoni rossi e gialli

I peperoni rossi e gialli sono ricchissimi di vitamina C (166 mg per 100 g di parte edibile), un antiossidante naturale che, unito alla vitamina A (424 µg per 100 g di parte edibile), è in grado di combattere l’azione dei radicali liberi in eccesso e prevenire l’invecchiamento cellulare. Quelli rossi presentano una buona quantità di beta-caroteni, che svolgono una funzione fotoprotettiva (e sono anche antiage. Per saperne di più, leggete qui)

Albicocche

Le albicocche sono ricche di carotenoidi, che sono precursori della vitamina A (ben 360 µg per 100 g di parte edibile), e vitamina C (13 mg) che hanno una funzione antiossidante in grado di contrastare i radicali liberi e potenziare l’effetto della melanina. L’alto contenuto di potassio (320 mg), inoltre, è di grande aiuto in caso di spossatezza e crampi muscolari frequenti (scoprite qui tutte le altre proprietà dell’albicocca).

More

Le more sono ricche di antociani, potenti antiossidanti che appartengono alla categoria dei flavonoidi e che conferiscono a questo frutto il tipico colore viola. Questi apportano un’azione positiva su tutto l’organismo e, grazie alle loro proprietà antiossidanti, non solo proteggono le cellule dai danni provocati dai radicali liberi ma forniscono anche un buon effetto protettivo sul nucleo della cellula. Le more contengono anche altri flavonoidi come catechine, tannini e quercetina che proteggono la pelle dai raggi ultravioletti.

Tè verde

Il tè verde è ricco di catechine, un gruppo di sostanze antiossidanti appartenenti alla categoria dei flavonoidi, che bloccano i radicali liberi e prevengono alcuni danni cellulari. Le catechine sono in grado di potenziare anche altri sistemi antiossidanti come quelli che coinvolgono la vitamina E (scoprite qui tutte le proprietà del tè verde).

Cacao

Più di ogni altro alimento, il cacao possiede un alto potere antiossidante grazie ai flavonoidi e in particolare catechina ed epicatechina (ecco qui gli altri benefici racchiusi nei semi di cacao). Questi combattono i radicali liberi e hanno notevoli effetti benefici sulla pelle, in quanto agiscono come fotoprotettori nei confronti dei raggi UV.

Curcuma

La curcuma, che deriva dalla radice della Curcuma longa conosciuta e utilizzata in India da oltre 5000 anni, è l’ingrediente “magico” che porta benefici all’individuo grazie a un suo componente, la curcumina, che è antiinfiammatoria, antiossidante, allevia i dolori articolari, mestruali e intestinali, aiuta la digestione, purifica il fegato e rafforza il sistema immunitario. La pianta, proprio grazie al suo potere antiossidante, è in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi e di potenziare l’effetto della melanina (leggete qui una gustosa ricetta di lunga vita).

Pesce azzurro e salmone

Il pesce azzurro e il salmone sono ricchi di Omega 3, indispensabili per la formazione e il mantenimento del film idrolipidico che protegge e idrata la pelle. Favoriscono il trasferimento della melanina nell’epidermide, rendendola maggiormente protetta dai raggi ultravioletti (qui trovate 9 buone ragioni per mangiare il pesce).

Uova

Oltre a essere ricche di vitamina B, che ripara le membrane cellulari danneggiare dai raggi ultravioletti, le uova contengono anche luteina e zeaxantina, due carotenoidi dalle potentissime azioni antiossidanti. Questi, inoltre, allontanano i rischi del foto-invecchiamento. Secondo uno della Purdue University, negli Usa, aggiungere da 1 a 3 uova all’insalata triplicherebbe anche l’assorbimento di beta e alfa carotene, licopene, luteina e zexantina contenuti in lattuga, spinaci crudi, carote o pomodori aggiunti all’insalata.

Chiara Caretoni

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Eritema solare o scottatura? Scopri la differenza

Abbronzatura: di che fototipo sei?

Occhi sempre protetti sotto il sole: tutti i consigli

Sole e vitamina D: serve l’abbronzatura?

Se ti esponi al sole fai attenzione ai farmaci che stai prendendo





Chiedi un consulto di Nutrizione