uova insalata

State preparando una bella insalata mista? Per completare l’opera, aggiungete pure un paio di uova sode: vi aiuteranno ad assorbire meglio la vitamina E, una preziosa molecola antiossidante e antinfiammatoria contenuta nell’olio, nei semi e nelle verdure. A dimostrarlo è uno pubblicato su Journal of Nutrition dagli esperti della Purdue University, negli Stati Uniti.

L’esperimento ha coinvolto 16 volontari, a cui sono stati offerti diversi piatti: un’insalata di verdure crude senza uova, un’insalata con un uovo e mezzo (pari a circa 75 grammi), oppure un’insalata con tre uova (pari a 150 grammi). Il tutto è stato condito con tre grammi di olio di canola, un derivato della colza molto usato negli Usa.

«Abbiamo verificato che aggiungendo tre uova all’insalata si aumenta l’assorbimento di vitamina E di 4-7 volte», spiega la nutrizionista Jung Eun Kim. «La novità del nostro studio sta proprio nel fatto che abbiamo misurato l’assorbimento della vitamina E presente nei cibi di tutti i giorni, e non negli integratori che ne contengono alte dosi».

Lo stesso gruppo di ricerca aveva già dimostrato in uno studio precedente che le uova nell’insalata aumentano fino a otto volte pure l’assorbimento dei caroteonoidi (come il licopene, la luteina e il beta-carotene). Consumarle con moderazione, dunque, può aiutarci a fare il pieno di sostanze preziose per la nostra salute, considerando che nelle stesse uova troviamo anche aminoacidi essenziali, acidi grassi insaturi, vitamina B ed E.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Uova e insalata: così si fa il pieno di carotenoidi

Uova e colesterolo

Proteggi il cuore con lattuga e olio d’oliva

Tutti i benefici dell’olio extravergine d’oliva

Dieta dimagrante: insalata come primo piatto