Quando il termometro si abbassa, la pelle del viso comincia a tirare, magari ad arrossarsi e a screpolarsi. Urge difendersi. La protezione passa anche da un’alimentazione adeguata. In che modo? «Dando grande spazio a diversi tipi di vegetali, che contengono molecole con una capacità di migliorare l’elasticità dei tessuti e con un potere antiossidante, in grado di combattere gli effetti di freddo e inquinamento», dice il dermatologo Antonino Di Pietro (puoi chiedergli un consulto).

La vitamina C stimola il collagene
Il kiwi è un vero campione di utilità per la pelle. Contiene ben 85 milligrammi di vitamina C ogni cento grammi di frutto (contro i 50 milligrammi di media degli agrumi). «E la vitamina C è importante per la produzione del collagene, che costituisce la struttura di sostegno dei tessuti connettivi in generale e del derma in particolare», spiega Di Pietro.
Completano l’elenco di cibi amici della pelle: arance, pomodori, fragole, peperoni verdi, ribes, mirtilli, lamponi, zucche, cavoli.

Ultimo aggiornamento: 13 novembre 2009