E' il piatto unico dell'estate, equilibrato e buona fonte anche di carboidrati e grassi 'buoni'

E’ il piatto unico che regna sulle tavole estive degli italiani, protagonista di pic-nic e pasti sotto l’ombrellone: l’insalata di riso piace perché permette a chiunque di dare un pizzico di personalità alla ricetta. Purché non si esageri con il desiderio di arricchirla con ingredienti troppo grassi. Quella ‘classica’ è un piatto equilibrato, è una buona fonte di carboidrati, proteine, grassi, fibre, micronutrienti e vitamine, ma è anche abbastanza calorico: una porzione fornisce 570-600 calorie.

Per un’insalata di riso ‘salutare’ è meglio non esagerare con le quantità di formaggi, come l’emmental, feta o mozzarelline, e di proteine animali, nella versione ancora più light si può sostituire il prosciutto cotto con il pollo o con il pesce, tonno, sgombro o gamberetti, facendo così il pieno anche di omega-3. Nessun limite, invece, a verdure e legumi che rappresentano il punto forte del piatto, fornendo in una sola porzione un sur di vitamine e sali minerali indispensabili per il buon funzionamento dell’organismo. Il riso, infine, è ricco di amido che aumenta il senso di sazietà dopo aver consumato il piatto e di triptofano, un precursore della serotonina, il noto ‘ormone del benessere’. Se non si soffre di celiachia o sensibilità al glutine, può essere sostituito nella preparazione anche con farro, orzo, kamut e cerali integrali. Oppure si può provare a preparare l’insalata con altre varietà di riso, come quello rosso, un ottimo alleato contro il colesterolo.