La dieta salva-tiroide

Garantirsi un corretto fabbisogno di iodio è fondamentale per proteggere la salute della tiroide: ecco quali sono gli alimenti che più ne sono ricchi da inserire nella dieta

La dieta salva-tiroide

La dieta salva-tiroide

Esiste una dieta che salva (nel senso di protegge) la tiroide? Sì, perché il più grande alleato della salute di questa ghiandola è lo iodio e una dieta con il giusto apporto di iodio ci mette al riparo da diversi disturbi e malattie.
La tiroide è una ghiandola endocrina ed è posta nella zona anteriore del collo: ha il compito di regolare lo sviluppo neuropsichico ed è fondamentale per la funzione cardiovascolare, il metabolismo basale, lipidico e glucidicosolo. Se dispone di un’adeguata quantità di iodio è in grado di produrre gli ormoni tiroidei. Una prolungata carenza iodica determina l’insorgenza di diverse patologie, come ad esempio l’ipotiroidismo e il gozzo nodulare.

Purtroppo, secondo i dati diffusi dall’Osservatorio Grana Padano, si stima che circa il 29% della popolazione mondiale sia ancora esposta a un’insufficienza di iodio: dai dati raccolti dalle anamnesi alimentari di 1200 persone di età compresa tra i 13 e i 40 anni, emerge che la quantità media assunta normalmente con la dieta è insufficiente a soddisfare il fabbisogno giornaliero di iodio.

Secondo i LARN (Livelli di Assunzione Raccomandata di Nutrienti della SINU) il fabbisogno giornaliero di iodio degli adolescenti (11-17 anni) è di 130 microgrammi (μg), per gli adulti 150 µg. Per le donne in dolce attesa e allattamento tale quantità aumenta sensibilmente, raggiungendo i 200 μg al giorno: la gravidanza e l’infanzia rappresentano infatti le fasi in cui gli effetti della carenza possono essere più gravi perché gli ormoni tiroidei sono indispensabili per un adeguato sviluppo del sistema nervoso centrale.

Per prevenire le patologie legate all’accrescimento e a un cattivo funzionamento della tiroide, gli esperti dell’Osservatorio Grana Padano raccomandano d’introdurre nella dieta gli alimenti che più contengono iodio. Scoprite in questa gallery quali sono.

Sale iodato

Sale iodato

Se inserito nella variata ed equilibrata alimentazione al posto del sale comune, utilizzandone 5 grammi al giorno (massimo consentito per un adulto) apporta 160 μg di iodio.

Yogurt di latte intero

Yogurt di latte intero

Lo yogurt di latte intero apporta circa 78 µg di iodio. Si consigli di consumarne 1 vasetto al giorno.

Pesce di mare

Pesce di mare

Una porzione di pesce di mare (sgombero, cefalo, baccalà, merluzzo) apporta circa 150 µg di iodio. Si consigliano 3 porzioni a settimana.

Crostacei

Crostacei

Una porzione di crostacei (gamberi, mazzancolle, astici, aragosta, granchi, ecc.), inserita nella dieta 1 volta a settimana, può sostituire un secondo di carne perché è un’ottima fonte di proteine e apporta circa 120 µg di iodio.

Condimenti a base di vongole o cozze

Condimenti a base di vongole o cozze

Condire la pasta o il riso con vongole, cozze, bottarga di muggine o tonno apporta circa 30 µg di iodio.

Mitili

Mitili

100 grammi di parte edibile di cozze o vongole apportano 140 μg di iodio. L’importante è non esagerare perché contengono parecchio colesterolo.

Uova

Uova

Un uovo di gallina contiene circa 35 µg di iodio, quindi si suggerisce di consumare 2/3 uova a settimana.

Formaggio

Formaggio

100 grammi di taleggio, latteria o fontina contengono circa 45 µg di iodio, mentre quelli stagionati, come ad esempio provolone, pecorino romano o Grana Padano ne hanno circa 38µg. Una dieta equilibrata prevede che se ne consumi, in questi quantitativi, per 2/3 volte a settimana come secondo piatto.

Carne

Carne

La corretta alimentazione prevede di consumare 2/3 porzioni di carne come secondo alla settimana: per avere un maggiore apporto di iodio, sarebbe meglio preferire quella di vitellone (la parte del muscolo senza grasso visibile) e il fegato.

Frutta secca

Frutta secca a guscio

Insieme con le 5 porzioni quotidiane di frutta e verdura, si consiglia di consumare anche anacardi, noci e pistacchi per incrementare lo iodio. È comunque meglio non esagerare perché apportano molte calorie anche se provenienti da grassi insaturi benefici per la salute.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Più iodio e meno esami inutili: così si salva la tiroide

Tiroide: il sale iodato ha stroncato l’endemia di gozzo in Umbria

La tiroide in gravidanza: cosa cambia?

Cozze in tavola: le regine della dieta estiva fanno bene, a patto che siano sicure

Settimana della tiroide: cosa fare se non funziona più o funziona male?