bambini asma

Asma e sport: 5 falsi miti

Asma e sport: 5 falsi miti

I bambini devono rinunciare allo sport per colpa dell’asma? Niente affatto: i genitori devono accantonare ansie e paure, incentivando i propri figli a iscriversi ai corsi che preferiscono. Quando questa patologia, che secondo i dati della colpisce tra il 5% e il 10% dei più piccoli, viene costantemente monitorata, l’attività sportiva è benefica per la salute, migliorando l’efficienza cardiorespiratoria e prevenendo sovrappeso e obesità.

«Questi ultimi due fattori, da un lato possono aggravare la sintomatologia dell’asma e, dall’altro, possono predisporre all’insorgenza di malattie dell’età adulta, quali diabete, osteoporosi, rischi cardiovascolari e asma stessa» spiega Marzia Duse, Direttore del Servizio di Immunologia e Allergologia Pediatrica dell’Università Sapienza di Roma e Presidente della SIAIP. «Quindi uno stile di vita corretto, che contempli una regolare attività fisica, è importante per tutti i bambini, ma lo è, per questi motivi, ancor di più per quelli asmatici» conclude l’allergologa.

A sostegno di questa tesi arriva anche una revisione su 75 studi condotti tra il 2000 e il 2014 sulla relazione tra asma, sovrappeso ed effetti dell’attività fisica nell’età evolutiva: dai dati è emerso che in assenza di sport i bambini asmatici sono più portati ad aumentare di peso.

«I bambini asmatici possono praticare la maggior parte degli sport» chiarisce Giancarlo Tancredi, Responsabile del Servizio di Medicina dello Sport all’Università Sapienza di Roma. «In generale sono sconsigliati solo gli sport estremi in cui il bambino o l’adolescente può essere soccorso con difficoltà (parapendio, deltaplano), le immersioni subacquee in profondità e le attività svolte in ambienti fortemente inquinati» continua il medico. Ecco, dunque, i 5 falsi miti sul legame tra asma e sport nei più piccoli.

Con l’asma si può fare solo nuoto: FALSO

Con l'asma si può fare solo nuoto: FALSO

Questo è un luogo comune che appartiene al passato. I bambini asmatici possono tranquillamente praticare la maggior parte degli sport (evitando solo quelli estremi che sarebbero di ostacolo in caso di emergenza), anche a livello agonistico. L’importante è che i genitori rispettino accuratamente la terapia prescritta dal medico per tenere sotto controllo la patologia. Un consiglio: non praticare attività sportiva in presenza di sintomi (tosse, sibili, affanno) e durante la crisi d’asma.

Con l’asma niente sport a livello agonistico: FALSO

Con l'asma niente sport a livello agonistico: FALSO

Un bambino asmatico può praticare attività fisica a livello agonistico previa valutazione funzionale e certificazione del medico dello sport. Basti pensare che soffrono d’asma il nuotatore Mark Spitz (sette medaglie d’oro alle Olimpiadi di Monaco di Baviera nel 1972), e l’atleta etiope Haile Gebrselassie, recordman mondiale per la maratona a Berlino nel 2007 e vincitore di sei medaglie d’oro. L’importante è che prima dell’attività fisica si faccia un adeguato riscaldamento ed è preferibile la respirazione attraverso il naso, perché riduce il contatto con gli allergeni.

Lo sport fa venire l’asma da sforzo: FALSO

Lo sport fa venire l'asma da sforzo: FALSO

L’attività fisica può scatenare l’asma da sforzo (tosse, sibili, affanno, senso di costrizione al torace) e può far pensare ai genitori che il bambino asmatico non debba fare sport. In realtà, questa condizione è un indice di uno scarso controllo dell’asma. Per questi motivi lo sport si può svolgere dopo aver prescritto una corretta terapia per l’asma e l’asma sia sotto controllo. Un consiglio: evitare di praticare attività sportive nelle fasce orarie più calde anche per la presenza di ozono.

Il cloro aggrava l’asma: FALSO

Il cloro aggrava l'asma: FALSO

Benché alcuni studi condotti su nuotatori di élite e operatori delle piscine abbiano rilevato che il cloro contenuto nelle piscine può aumentare l’iperreattività bronchiale ed il rischio di asma, una della letteratura indica che il nuoto è ben tollerato nei bambini e negli adolescenti con asma stabile, migliora la funzionalità respiratoria e la fitness cardiopolmonare.

Gli inalatori sono doping: FALSO

I farmaci per via inalatoria sono doping: FALSO

Negli atleti asmatici il salbutamolo somministrato per via inalatoria fino ad un dosaggio giornaliero di 1600 mcg e i corticosteroidi non costituiscono doping. È vietato l’uso degli stessi farmaci per via sistemica o dosaggio elevato (salbutamolo >1600 mcg/die).

Chiara Caretoni

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Sport e bambini: scopri i benefici delle principali discipline

Sport, come scegliere quello più adatto per il proprio figlio?

Asma grave: in arrivo i farmaci intelligenti

Crescere con un cane in casa riduce il rischio di asma

Bambini prematuri a rischio asma, ma i problemi spariscono con la crescita