Video in caricamento...

Abbinato al minilifting, l'autotrapianto di grasso permette di ridefinire e riempire i tessuti del volto. L'esperto di OK Marco Klinger descrive la tecnica e tutti i suoi benefici

Il lifting e il minilifting, soprattutto nelle facce magre, non bastano a ridare al volto l’aspetto tonico e fiorente della giovinezza, ma possono al contrario creare sul viso un effetto “scheletrico”. Come ci spiega nella video intervista Marco Klinger (puoi chiedergli un consulto qui), responsabile di chirurgia plastica all’Istituto Humanitas di Rozzano, per ottenere un risultato estetico migliore «si abbina al minilifting l’autotrapianto di grasso con la tecnica del lipofilling, che permette di ridefinire e riempire i tessuti».

Il professor Klinger è stato uno dei primi esperti a studiare gli effetti delle cellule staminali adulte presenti nel grasso e a scoprire i loro benefici sui tessuti, che diventano più tonici, vitali e giovani. Guarda la video intervista per scoprire in cosa consiste il lipofilling al viso e tutti i suoi effetti sulla pelle.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Chirurgia estetica: arrivano le nuove linee guida

Il doppio mento si cancella così

Lipofilling ai glutei, come ridonare volume al proprio lato B

Lifting alle braccia: intervento e risultati

Ginecomastia, come si elimina il seno maschile