Terme marine o in alta montagna? Collina o lago? La scelta va fatta anche in base al clima: mai gli allergici ai pollini in collina in primavera, sconsigliate ai depressi le terme ai laghi, adatte invece ai cardiopatici

Se il clima di montagna è indicato per chi soffre di bronchite cronica, ma non per chi è iperteso, se quello marino fa bene a coloro che hanno allergie stagionali ma non a chi soffre di cefalee e di insonnia, il tutto confermato da numerosi studi clinici, per il clima collinare si hanno indicazioni più generiche, nonostante che delle 160 zone termali italiane, 70 siano ubicate in collina. Per questo, sotto l’egida dell’Università di Milano e della Federazione Mondiale Termalismo e Climatoterapia (Femtec) è stata fondata l’ ‘Associazione Europea per lo Studio degli Ambienti Collinari’ (Abac). L’atto costitutivo è stato firmato al termine del convegno ‘The Climate For You-Clima e salute: indicazioni per una scelta’, svoltosi a Monterenzio, al ‘Villaggio della Salute Più’, complesso che conta 22 piscine termali. Fra le finalità dell’Associazione: climatoterapia dei bioclimi di collina e valutazioni sull’impatto dei cambiamenti climatici. Inoltre l’Abac si propone di stipulare accordi con enti pubblici e privati per lo studio dell’ambiente collinare con applicazioni alla ‘Medicina del Benessere’ e al ‘Turismo della Salute’.

«Perchè ‘Salute’ – dice Umberto Solimene, presidente di Femtec – non è solo assenza di malattia, ma anche benessere e capacità dell’ organismo di adattarsi a stimoli di tipo fisico e psichico. E il sistema termale italiano così ricco di diversità climatiche, può presentarsi in Europa come cluster della salute, integrativo di un gran numero di processi terapeutici. Ma deve rispondere alla richiesta di un termalismo medico-scientifico anche per la collina, dove siano ricercate innovazione e controllo qualità».

L’Italia offre diversi tipi di clima: quello marino ‘sedativo’ o di spiaggia, ha indicazioni per le affezioni ginecologiche e le artropatie croniche degenerative. Quello dei grandi laghi, per i deficit immunitari con episodi infiammatori, ma è controindicato per gli stati depressivi. I climi di bosco-foresta (mare, collina e montagna), sono indicati per anziani con bronchite ma non con asma bronchiale allergico. La collina è genericamente indicata per cardiopatie, convalescenze da malattie infettive, nefropatie lievi, ma è non per le allergopatie con pollinosi. (ANSA)