Tosse, naso che cola, occhi arrossati, mal di pancia. Non c’è sintomo dell’influenza e dei malanni di stagione che lo zenzero non possa aiutare a combattere.

È molto indicato per combattere la tosse, specie quella grassa, perché ha ottime proprietà espettoranti. Il suo potere anti nausea è ormai ampiamente riconosciuto e funziona qualsiasi sia il motivo: dalla gravidanza, al mal di mare, passando per il mal d’auto e l’influenza. Ha buone proprietà antiemetiche, ovvero aiuta a controllare il vomito. Aiuta anche la digestione.

Lo zenzero aiuta a superare anche la sensazione di freddo, tipica quando si ha la febbre. Stimola la sudorazione e quindi l’espulsione delle tossine. 

Lo zenzero ha ottime proprietà antinfiammatorie, tanto da essere considerato quasi un farmaco, senza avere però gli effetti di disturbo allo stomaco, tipico dei farmaci.

A livello intestinale promuove la formazione di flora batterica e inibisce l’azione di batteri nocivi.

Attenzione, però, lo zenzero va assunto con grande cautela se si soffre di pressione alta, aritmia e calcoli biliari. Prima di assumerlo durante la gravidanza consultare il medico. Non va assunto in contemporanea a farmaci antinfiammatori o anticoagulanti.

Lo zenzero si può assumere in diversi modi. Ottimo in polvere o fresco da aggiungere ai cibi. Ci sono molte ricette sia con la carne e il pesce, sia con le verdure e le zuppe. Può essere mangiato anche fresco, così com’è, dopo averlo sbucciato, ma in questo caso il sapore è molto forte.

Ottimo in tisana: è sufficiente tagliare due o tre fettine per tazza e fare sobbollire per una decina di minuti. Volendo si può aggiungere anche del limone e del miele, che migliorano il gusto e potenziano l’effetto.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Influenza: cosa fare?

Influenza: rimedi naturali che funzionano

Raffreddore e influenza, le piante medicinali per la cura e la prevenzione

Digestione lenta? Prova con le erbe aromatiche