Come conservare l’aglio e la cipolla?

Pubblicato il: 4 Aprile 2018 alle ore 22:25 Aggiornato il: 5 Aprile 2018
conservare l'aglio e la cipolla

Molte persone li tengono in frigo o utilizzano dei contenitori di plastica nella dispensa. Ecco i nostri consigli da seguire in cucina

Aglio e cipolla vengono spesso acquistati in trecce molto lunghe o sacchetti abbondanti. Alla loro conservazione, però, bisogna fare molta attenzione. Se vengono tenuti a lungo a una temperatura inadatta, infatti, possono germogliare o fare la muffa (leggi qui: le muffe alimentari sono cancerogene?). Come conservare, quindi, questi due alimenti nel modo giusto?

No al frigo

Prima di tutto, aglio e cipolla non vanno assolutamente conservati in frigo. Le temperature umide e fredde, infatti, convertono gli amidi della cipolla in zucchero, facendola diventare molle in pochi giorni. Queste regole non valgono invece per lo scalogno, che contiene più acqua e quindi ha bisogno di essere refrigerato. Anche l’aglio non va tenuto in frigo: dopo qualche giorno comincerà a germogliare, diventerà gommoso e ammuffirà.

Meglio un luogo fresco e asciutto

Aglio e cipolla vanno conservati in un luogo fresco e asciutto, come la dispensa o il piano della cucina, ma non all’interno di buste o contenitori di plastica, che potrebbero rilasciare umidità. Per quanto riguarda la cipolla, meglio utilizzare un sacchetto di rete, di carta o una ciotola in terracotta. Questi materiali permetteranno di tenere a bada la formazione di umidità e la proliferazione di microrganismi. Ottimi i sacchetti di carta anche per l’aglio, ricordando di conservarlo senza lavarlo o sbucciarlo e di posizionarlo in un punto al riparo dalla luce e con la possibilità di respirare.

E una volta “aperti”?

Una volta aperta la cipolla, la parte rimanente può essere affettata o tagliata a cubetti e congelata in vista di futuri utilizzi. La cipolla aperta può anche essere conservata per due o tre giorni in frigorifero all’interno del cassetto della frutta e della verdura per evitare che invada il frigo con il suo odore. Anche l’aglio, una volta aperto, può essere sbucciato, affettato o tritato e conservato in congelatore per alcuni mesi all’interno di un contenitore o di un sacchetto per alimenti. Altrimenti, per avere dell’aglio sempre a disposizione anche una volta aperto, potrà essere conservato in cucina all’interno di un contenitore di alluminio con coperchio, dove potrà rimanere perfettamente intatto anche per un’intera settimana.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Come congelare e scongelare il pane?

Cibi surgelati e congelati: come consumarli e conservali

Toast e patate al forno? Fermati al colore oro

Mai i pomodori in frigo: il freddo “spegne” il sapore





Chiedi un consulto di Nutrizione