Contro il mal di testa, l’agopuntura appare più efficace di molti farmaci tradizionali, inclusa l’aspirina. La conferma arriva da uno studio della Duke University (Stati Uniti), pubblicato sulla rivista . Gli esperti americani hanno esaminato la documentazione di alcune banche dati (come Medline), e hanno visto che su quattromila pazienti afflitti da varie forme di mal di testa cronico il 62% aveva tratto benefici dall’agopuntura, mentre solo il 45% era riuscito a ottenere analoghi risultati con la medicina classica.
I risultati migliori si ottengono contro la cefalea tensiva. L’agopuntura permette di allentare le contrazioni muscolari, riducendo il dolore nell’ 80% dei casi, ed è anche in grado di indurre un rilassamento psicologico.
Gli aghi (10 o 12, a seconda dei casi) provocano un micro-cortocircuito nei punti in cui vengono inseriti. Si tratta di correnti debolissime, nell’ordine dei millesimi di volt, che però determinano un effetto sul sistema nervoso e su quelli che la medicina cinese chiama canali dell’agopuntura: reti bioenergetiche, la cui natura è ancora in parte sconosciuta, che collegano diversi organi, anche lontani fra loro. Per questo, la terapia contro il mal di testa prevede l’inserimento di aghi sul piede, sulla gamba e sulla mano, oltre che sul collo.
Esistono diverse tecniche, ma la tendenza più recente è quella di non usare l’elettrostimolazione: cioè di non far passare un’ulteriore corrente negli aghi, tramite un’apposita attrezzatura. Basta la sola presenza dell’ago, che va inserito a una profondità di qualche millimetro, per provocare una migrazione di ioni, carichi positivamente o negativamente, che vanno ad agire sui circuiti coinvolti nel dolore. Contro il mal di testa occorrono in genere dieci sedute, ciascuna di circa 15 minuti.

DOVE TROVARE GLI ESPERTI. Per essere certi di trovare dei professionisti seri, meglio consultare il della Federazione italiana delle società di agopuntura: basta cliccare sulla sezione nell’area pazienti.
OK La salute prima di tutto

Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2011

Chiedi un consulto ai neurologi
e agli esperti di terapie alternative di OK

Guarda i punti principali del corpo stimolati dagli aghi