test occhio secco

Ecco lo Smart test che ti aiuta a misurare le probabilità di soffrire di occhio secco e scopri qualche consiglio pratico per limitare i disturbi

Fai lo Smart test!

Fai il test!

Bruciori, secchezza, sensazione di sabbia o di un corpo estraneo negli occhi, prurito, fotofobia ma anche eccessiva lacrimazione: sono questi i sintomi dell’occhio secco, il modo in cui la disfunzione lacrimale è conosciuta al pubblico. In generale si può dire che dipende da una rottura dell’omeostasi del sistema di superficie oculare, normalmente garantita dalla presenza di una sufficiente quantità di lacrime, da una composizione e un’architettura regolare e stabile del film lacrimale, da una chiusura palpebrale corretta, con un normale ammiccamento, e da un adeguato ricambio del film lacrimale.si

Il gruppo P.I.C.A.S.S.O. (Partners Italiani per la Correzione delle Alterazioni del Sistema di Superficie Oculare) promuove lo Smart test, un test di autovalutazione grazie al quale, rispondendo a poche domande, è possibile misurare la probabilità di soffrire di occhio secco. «Si tratta di un questionario, di semplice utilizzo che indaga la frequenza e l’intensità con cui si presentano i sintomi» spiega il professor Maurizio Rolando, del Centro Superficie Oculare, IsPre Oftalmica di Genova.

Se pensi di soffrire di occhio secco, armati di matita e fai lo Smart test

Domanda 1

Domanda 1

  0           1           2           3           4
            Mai                                           Sempre     

Domanda 2

Domanda 2

  0           1           2           3           4
          Mai                                           Sempre    

Domanda 3

Domanda 3

0           1           2           3           4
    Mai                                           Sempre

Domanda 4

Domanda 4

0           1           2           3           4
   Mai                                           Sempre

Domanda 5

Domanda 5

0           1           2           3           4
   Mai                                           Sempre

Risultati

Risultati

«Se il punteggio complessivo supera la soglia di 6 è probabile che ci sia un problema di occhio secco ed è bene che l’interessato si rivolga allo specialista» spiega il professor Rolando. Ovviamente maggiore è il punteggio totalizzato e maggiori saranno le probabilità che la diagnosi sia corretta.
«Se il punteggio supera il valore di 12 è necessario valutare il paziente con particolare attenzione e sottoporlo a ulteriori accertamenti per escludere la presenza di una sindrome di Sjogren». Quest’ultima, una malattia autoimmune che provoca una disfunzione delle ghiandole lacrimali e salivari, è fortunatamente responsabile solo di una piccola parte dei casi di occhio secco.

Consigli pratici

Consigli pratici

Ecco alcuni consigli pratici che possono essere utili per limitare i disturbi causati dall’occhio secco:

  • idratare l’occhio adeguatamente con sostituti lacrimali/colliri ad azione completa;
  • evitare di stare a lungo in ambienti secchi (riscaldamento, aria condizionata) che peggiorano i sintomi;
  • evitare l’esposizione diretta a fonti di aria o di calore;
  • ricordarsi di chiudere gli occhi per qualche secondo quando si legge, si lavora al computer o si è molto concentrati in qualche attività;
  • umidificare gli ambienti in cui si abita e si lavora;
  • evitare l’utilizzo di lenti a contatto finché non si ristabilizza la salute della superficie oculare.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Cosa fare se gli occhi sono secchi

Occhi in estate: stop a congiuntiviti e altri disturbi

La sindrome dell’occhio secco: cause, sintomi e cure

Vuoi vederci meglio? Mangia lenticchie

Gli spinaci meglio delle carote per la vista