vivere al mare

Una ricerca britannica conferma quello che già in molti sostengono da sempre. Le coste fungono da cuscinetto di protezione contro ansia e depressione

È il sogno di molti. Lasciare tutto per andare a vivere al mare. Ora il loro desiderio ha una spiegazione scientifica, studiata dalla Exeter University.

A mezzo miglio dal mare la salute psicologica ha grandi giovamenti 

I ricercatori in forza all’università del Devon in Gran Bretagna hanno dimostrato che chi vive a circa 800 metri di distanza da una spiaggia o da una scogliera ha meno possibilità di sperimentare nel corso della sua vita problemi legati alla salute mentale come l’ansia e la depressione.

Vivere al mare: le coste fungono da cuscinetto di protezione 

In pratica i risultati suggeriscono che le coste possano agire come una zone di protezione per il nostro benessere psicologico. Il team di ricerca sottolinea come vivere in mezzo alla natura sia in generale molto positivo per la nostra salute.

Già diversi studi si sono concentrati sul legame tra i benefici di stare nel verde e il benessere psico fisico del nostro organismo, tanto da spingere molti dottori a consigliarlo proprio come terapia. Una importante ricerca americana, che ha coinvolto oltre 100.000 persone, ha dimostrato che addirittura allunghi la vita del 12 per cento. I motivi di questo elisir di longevità starebbe nel fatto che si risieda in zone lontane dall’inquinamento atmosferico, dalla frenesia della routine quotidiana, dal traffico e dallo stress. Clicca qui se vuoi approfondire l’argomento.

Più di 26.000 persone analizzate dai ricercatori 

Il team di ricerca ha analizzato le informazioni di oltre 26.000 britannici presi dall’Health Survey for England, un database che monitora le tendenze della salute e dell’assistenza in Inghilterra. Per raggiungere i loro risultati il gruppo di esperti ha confrontato il benessere fisico e psicologico con la prossimità alle coste.

I risultati dello studio

Dopo aver considerato anche altri fattori esterni, come gli stili di vita, gli scienziati hanno dimostrato che le persone che vivono a meno di un chilometro dalla costa hanno un rischio più basso del 22% di avere sintomi di problemi psicologici, rispetto a chi vive ad esempio a 50 chilometri di distanza.

Potrebbe essere consigliato a chi soffre di disturbi di trasferirsi vicino al mare

Gli esiti dello studio suggeriscono che vivere vicino al mare possa ridurre questi problemi a chi abita nelle zone metropolitane.

Differenza tra ansia e depressione

Ansia e depressione sono sicuramente due malattie legate, ma assolutamente diverse l’una dall’altra. Possono apparire insieme o in modo autonomo e indipendente.

Quali sono i sintomi dell’ansia?

I sintomi sono sia fisici che psicologici. Possono presentarsi tutti contemporaneamente o anche singolarmente. Qui puoi trovare dieci modi per superare l’ansia senza farmaci.

Più grave sarà l’ansia, più intense saranno le sue manifestazioni. I sintomi psicologici sono:

  • senso di pericolo,
  • sensazione di minaccia imminente,
  • tensione,
  • agitazione,
  • irritabilità,
  • difficoltà di concentrazione,
  • sensazione di testa vuota o leggera.

I più frequenti sintomi fisici dell’ansia sono:

  • sudore,
  • palpitazione,
  • tachicardia,
  • vertigini,
  • nausea,
  • tremori,
  • formicolii intorno alla bocca, alle mani e alle dita dei piedi. 

La depressione

La depressione è una malattia sistemica, che coinvolge cioè diversi organi del nostro corpo. La prima distinzione con l’ansia riguarda i sintomi che sono nove e devono essere presenti contemporaneamente per almeno due settimane. Cliccando qui puoi scoprire tutte e nove i sintomi della depressione.

In situazioni normali il nostro umore si adatta agli stimoli esterni. In caso di depressione di vive invece una perdita di interesse generale, anche verso le cose che un tempo ci piaceva fare. Ecco dieci mosse per combattere la depressione.

FONTE:

Leggi anche…