I campanelli d'allarme

Un importante studio dell'Università della California detta le regole per prevenire l'Alzheimer anche se siamo geneticamente predisposti. Ecco cosa fare

Guarda meno tv

Guarda meno tvÈ questa la novità della ricerca americana, presentata al Congresso Mondiale di Neurologia che si tiene a Kyoto in Giappone. Guardare troppa televisione è un fattore di rischio per questa malattia. Questo perché la tv toglie spazio al movimento e attività più benefiche per il cervello, come le attività di relazione.

Tieni sotto controllo
la pressione

Tieni sotto controllo la pressioneAvere la pressione sanguigna con valori normali è fondamentale per la salute del nostro cervello, soprattutto tra i 35 e i 65 anni.

Istruzione

IstruzioneChi ha un livello di istruzione alto ha una maggiore protezione dall’Alzheimer persino nel caso in cui abbia le placche nel cervello, segno tipico della malattia. Chi ha una cultura bassa ha quattro volte le probabilità di sviluppare demenza.

Attività fisica

Attività fisicaÈ ormai universalmente riconosciuto che fare attività fisica rallenti il declino cognitivo del cervello.

Alimentazione

 

AlimentazioneTre porzioni di cereali integrali, una porzione di verdure a foglia verde, un altro ortaggio ogni giorno con un bicchiere di vino, uno spuntino quasi tutti i giorni con le noci, pollame e frutti di bosco, in particolare i mirtilli, almeno due volte a settimana e pesce almeno una volta.

Da evitare invece, burro (meno di 1 cucchiaio al giorno), dolci e pasticcini, formaggio intero grasso, e cibi fritti o da fast food (meno di una porzione a settimana per qualsiasi dei tre). Ecco come con un regime alimentare corretto si può rallentare il declino cognitivo legato all’età, riducendo il rischio di sviluppare Alzheimer e «regalandosi» l’equivalente di 7,5 anni in meno a livello cerebrale se la si segue rigorosamente rispetto a chi la segue meno.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Alzheimer: con problemi alle gengive il rischio s’impenna

Un check up al cuore a 45 anni aiuta a prevenire l’Alzheimer

Alzheimer: se sogni poco, aumenti il rischio

Alzheimer: eccezionale scoperta rivoluzionerà le terapie