incontinenza

Chi soffre di incontinenza urinaria non deve rinunciare alle proprie vacanze: basta sapersi organizzare, in modo da limitare il disturbo e vivere in serenità il viaggio. Sebbene interessi 5 milioni di italiani, questo problema non deve essere motivo di rinuncia: andare in giro quando si soffre di incontinenza è possibile, ci sono solo alcune accortezze da mettere in pratica. Ecco, allora, un piccolo vademecum per gestire il disturbo anche in estate, con i consigli degli esperti della Fondazione italiana continenza (FIC).

Bevi… Ma non troppo!

È vero: bere, soprattutto nel periodo estivo, è fondamentale per favorire la motilità intestinale e tenere alla larga cistite e calcolosi renale. Tuttavia, non è necessario imporsi di superare un litro e mezzo di acqua al giorno se già si consumano regolarmente frutta e verdura. Più che altro sarebbe meglio rinunciare a caffè, tè e bevande alcoliche che aumentano l’iperattività della vescica, preferendo bibite ricche di vitamina C e a base di mirtilli rossi, che proteggono le mucose delle vie escretrici.

Evita i cibi che stimolano la vescica

Per quanto riguarda l’alimentazione, meglio evitare di consumare pietanze troppo salate, unte o grasse, pepe, peperoncino e spezie, che possono stimolare e irritare ulteriormente la vescica. Purtroppo bisogna limitare il consumo di cioccolato perché contiene lo stimolante per eccellenza, cioè la caffeina. Infine bisogna cercare di rispettare una corretta distribuzione dei pasti, evitando cene abbondanti e un consumo eccessivo di liquidi la sera. Preferire metodi di cottura semplici, come a vapore, microonde, griglia o piastra, pentola a pressione.

Leggi anche: Pressione bassa o ipotensione

Presta attenzione all’igiene intima

Curare l’igiene intima è sempre doveroso, ma in estate lo è ancor di più. Bisogna infatti praticare lavaggi più frequenti, così da diminuire l’insorgere di batteri che aggravano lo stato di incontinenza. Il consiglio è quello di utilizzare detergenti in crema fluida, che non necessitano di acqua, perché vi è una diminuzione del rischio di creare ambienti umidi (causa di arrossamenti) dovuti anche ad una non adeguata asciugatura.

Scegli l’assorbente giusto

Scegliere il prodotto assorbente giusto è fondamentale, non solo in accordo al tipo di continenza ma anche di vestibilità, garantendo a donne e uomini di vivere serenamente i diversi momenti della giornata. A questi ausili associa un abbigliamento leggero e traspirante, in prodotto naturale come il cotone, per aiutare la cute a respirare e a mantenere la temperatura del corpo adeguata.

Leggi anche: Diabete: la guida completa

Prepara un kit da viaggio

Prepara un kit da viaggio che possa aiutarti a gestire al meglio questo disturbo anche quando ci si trova lontano da casa. Nel kit inserisci salviette intime, fazzoletti di carta, biancheria intima e abiti di scorta per potersi cambiare in caso di bisogno, prodotti assorbenti, traverse da letto assorbenti per sentirsi a proprio agio anche se si dorme in hotel o a casa di amici, buste in plastica per riporre gli indumenti umidi o per smaltire gli accessori usati.

Leggi anche…