Video in caricamento...

Nel 2015 sono stati eseguiti oltre 20 milioni di interventi di cataratta in tutto il mondo, oltre 500.000 solo in Italia. I numeri continuano ad aumentare vertiginosamente, così come sta diminuendo sempre più l’età dei pazienti: se un tempo si operavano soltanto anziani con una cataratta “matura”, oggi si tende ad intervenire sempre più precocemente fin dai primi sintomi.

Negli Stati Uniti sta addirittura prendendo piede una nuova pratica per operare già a 50 anni, prima ancora che la cataratta si manifesti.

Questo cambio di passo è dovuto «all’insistenza dei cinquantenni e sessantenni dei giorni nostri, i figli del boom economico, che non vogliono ostacoli alla loro visione», spiega l’esperto di Ok Salute Lucio Buratto, direttore scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico di Milano (puoi chiedergli un consulto qui).

«Grazie a nuovi strumenti diagnostici di avanguardia – continua Buratto – ci si è resi conto che molti di questi pazienti che chiedevano correzioni dei loro problemi visivi con la tecnica del laser presentavano in realtà dei cristallini non del tutto trasparenti». E’ così nata una nuova diagnosi, quella della sindrome del cristallino disfunzionale, che si pone a metà strada tra la presbiopia e la cataratta.

«A questi pazienti che chiedono insistentemente di essere operati con il laser, i medici raccomandano sempre di più un altro genere di intervento, la sostituzione del cristallino naturale con uno artificiale: facendo questa operazione a 50 anni o poco dopo – spiega Buratto – è possibile risolvere il difetto rifrattivo eliminando gli occhiali, e allo stesso tempo si elimina il rischio che si sviluppi la cataratta negli anni a seguire».

POSSONO INTERESSARTI ANCHE:

Gli spinaci meglio delle carote per la vista

Glaucoma: 1 milione di italiani colpiti. 1 su 2 non lo sa

Si può cambiare il colore degli occhi?

Cosa fare se gli occhi sono arrossati

Occhiali hi-tech per i ciechi: si può ‘vedere’ attraverso la lingua

Occhiali da sole: si scelgono in base a fototipo, età e diottrie