Coppia in crisi

Individuate le 12 regioni cerebrali che vengono “accese” dal fuoco dell'amore

M’ama o non m’ama? Per scoprirlo basta una risonanza magnetica del cervello. Un gruppo di ricercatori cinesi ha infatti scoperto le 12 aree cerebrali che vengono “incendiate” dalla fiamma dell’amore, mentre è stata individuata una tredicesima regione in cui invece si accumulano le “ceneri” del sentimento ormai sopito. Lo , pubblicato sulla rivista Frontiers in Human Neuroscience, potrà essere d’interesse non solo per gli innamorati di tutto il mondo, ma anche per i giudici e gli avvocati impegnati nelle cause legali delle coppie “scoppiate” o, peggio ancora, nei processi legati a delitti passionali.

I ricercatori della University of Science and Technology of China, guidati da Xiaochu Zhang, hanno studiato le scansioni cerebrali di 100 persone in diverse fasi del rapporto di coppia, scoprendo che le aree del cervello coinvolte dall’amore sono dodici, molte associate con le emozioni e i meccanismi di ricompensa e motivazione.

Lo studio ha inoltre individuato un’area del cervello, detta nucleo caudato, che invece è più attiva alla fine di una relazione.

«Il nostro studio – spiega Zhang – fornisce la prima evidenza delle alterazioni correlate all’amore nell’architettura del cervello e i risultati gettano nuova luce sui meccanismi dell’amore romantico». Il prossimo passo sarà quello di fare nuovi test, in modo da avere una “mappa” ancora più dettagliata del cervello innamorato.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Troppe luci in città disturbano il sonno

Insonnia, i comportamenti da evitare prima di dormire

Le 10 regole per dormire bene

Il tablet è come una droga per gli adolescenti