Condividere un cambiamento di stile di vita con il partner è la strada giusta per riuscirci. Lo conferma uno studio inglese.

Per dire addio definitivamente alle cattive abitudini è bene essere in coppia: avere un partner con cui condividere gli obiettivi di salute e benessere, come smettere di fumare oppure perdere peso, sembra infatti essere la via per il successo. Lo sostiene uno inglese, pubblicato su JAMA Internal Medicine.

Gli scienziati dell’University College di Londra hanno analizzato lo stile di vita e la capacità di mantenere i buoni propositi riguardo la propria salute di 3.722 coppie, sposate o conviventi, di età superiore ai 50 anni. Le conclusioni della ricerca, supportata dall’associazione Cancer Research Uk, dalla British Heart Foundation e dal National Institute of Aging britannico, confermano che affrontare dei cambiamenti insieme al partner, anziché da soli, può effettivamente spronare le persone a ‘tener duro’ e mantenere alta la motivazione.

«Essere supportati può davvero aiutare le persone ad acquisire buone abitudini», suggeriscono i ricercatori. «Ad esempio, se si vuole perdere peso e un amico o collega sta cercando di fare lo stesso, è possibile incoraggiarsi a vicenda, magari andando a correre o in piscina insieme durante la pausa pranzo o dopo il lavoro». Un altro esempio è il fumo: dall’analisi emerge che il 50 per cento delle donne riesce a smettere di fumare quando lo fa anche il partner, mentre solo l’8 per cento ce la fa lo stesso anche quando il partner è un tabagista incallito. Lo stesso vale per l’attività fisica: in due, fatica e sacrifici sono meglio sopportati.

PERCHE’ E’ IMPORTANTE SMETTERE DI FUMARE

Il fumo passivo fa ingrassare

Gli effetti del fumo sul feto: le foto in 4D

Ecco l’allenamento salva fumatori

La sigaretta manda in fumo il cervello

Indisciplinati dopo l’infarto: pochi perdono peso o smettono di fumare

La sigaretta inquina più del camion, anche nei locali estivi

Smetti di fumare

Coppia e sigaretta: quando è vietato fumare?

Disfunzione erettile, per curarla non solo farmaci