orgasmo femminile

La sessuologa Barbara Poletti suggerisce cinque regole per portare la donna al massimo del piacere sotto alle lenzuola

Con il termine “orgasmo” si indica il culmine dell’eccitazione sessuale, caratterizzato da una serie di reazioni neuro-muscolari involontarie che si innescano dopo una stimolazione dei genitali e delle zone erogene del corpo. Il piacere femminile, che si raggiunge solitamente con la stimolazione del clitoride o la penetrazione vaginale, cambia a seconda della sollecitazione fisica da parte del partner ma anche dall’approccio con cui questo si rivolge alla propria compagna.

Come si porta una donna all’orgasmo? 

Soddisfare la propria donna sotto alle lenzuola non è sempre un’impresa semplice. C’è chi preferisce la stimolazione del clitoride, chi non può fare a meno dei preliminari, chi non raggiunge il piacere senza la penetrazione e chi necessita più tempo per raggiungere l’orgasmo. Dal canto suo, il partner deve sapere come sollecitare la compagna per evitare di cadere nel dubbio «Avrà fatto finta?». Ecco, dunque, i consigli della sessuologa Barbara Poletti.

  • Non vivete il sesso come una gara ma create un’atmosfera rilassante e di complicità giocosa con la partner.
  • Dedicate spazi e tempi ampi, senza fretta, al piacere della coppia. Il mordi e fuggi potrebbe metterla in difficoltà.
  • Scontato forse, ma imprescindibile: mai dimenticare i preliminari. Rendeteli una vera esplorazione del piacere, non una tappa da mettere in agenda bensì un momento di intimità di cui non potete fare a meno.
  • La stimolazione del clitoride, diretta e indiretta (movimenti pelvici), è fondamentale nel raggiungimento del piacere.
  • La posizione sessuale «dell’amazzone» (la donna sopra l’uomo), è quella che facilita di più il raggiungimento dell’orgasmo femminile, a causa della maggiore stimolazione della clitoride e della libertà di cui gode la donna nel muoversi.

Leggi anche…